“Co-progettazione e co-programmazione negli Ambiti della Provincia di Monza e Brianza”

Una ricerca esplorativa” promossa dal Forum provinciale del Terzo Settore MB

La ricerca sulla programmazione sociale dei cinque Ambiti territoriali della provincia di Monza e Brianza deliberata durante l’assemblea 2023 del Forum provinciale del Terzo Settore  e condotta  da Raffaele Monteleone, valutatore senior dell’Istituto Italiano di Valutazione e docente di Politiche sociali  all’ Università degli Studi di Milano-Bicocca è  stata presentata dal  Comitato del Forum del Terzo  Settore il 14 febbraio scorso  durante un primo incontro seminariale di restituzione degli esiti che ha visto coinvolti i  cinque responsabili degli Uffici di Piano, il ricercatore incaricato Raffaele Monteleone, un sottogruppo di lavoro che ha supportato la ricerca e che rappresenta il Forum nei tavoli di sistema degli ambiti, il  Portavoce e il vice Portavoce del Forum Roberto d’Alessio e Maurizio Magistrelli, i rappresentanti degli enti che hanno cofinanziato la ricerca, Marco Meregalli per Confcooperative e Marta Petenzi per Fondazione di Comunità Monza Brianza e Codici Cooperativa Sociale.

Obiettivo principale della ricerca  era acquisire elementi conoscitivi sul funzionamento concreto dei Piani di zona così da alimentare la capacità riflessiva e la visione strategica del Forum del Terzo Settore Monza e Brianza nell’interlocuzione con i soggetti istituzionali e del privato sociale attivi nel territorio con riferimento, in particolare, all’assetto di governance delle politiche sociali.

Il seminario si è concretizzato in una relazione introduttiva del ricercatore che si è soffermato sulla parte relativa alle conclusioni finali, oggetto principale del momento di confronto successivo che ha visto coinvolti a vario titolo tutti i partecipanti, con un confronto e uno scambio in un clima “alla pari” in ottica collaborativa nel pieno riconoscimento, dentro percorsi complessi, dei limiti e delle difficoltà in cui tutti ci muoviamo.

Ci sembra di poter affermare che proprio in merito alle conclusioni finali della ricerca ci sia stato un sostanziale consenso e riconoscimento e che siano emersi anche stimoli che possono diventare oggetto di lavoro a vario livello nei prossimi mesi, per favorire l’adozione di strumenti di coprogettazione e di co-programmazione.

In allegato il testo integrale della ricerca.