Welfare: una riforma da costruire insieme

Il Forum Terzo Settore Lombardia, con una lettera aperta alla Commissione Terza del Consiglio Regionale, chiede un coinvolgimento degli attori del welfare nel processo di riforma delle politiche sociali. L’azione della Giunta non è convincente.

Con una lettera aperta, il Forum Terzo Settore Lombardia ha chiesto di essere ascoltato dalla Commissione Terza del Consiglio Regionale della Lombardia.

Oggetto: la riforma del Welfare lombardo

Negli ultimi mesi si è infatti assistito ad una improvvisa accelerazione dell'azione della Giunta Regionale di cui si fatica ad intravedere la coerenza.

Da un lato la Giunta ha deliberato la sua proposta di Patto per il welfare, che è oggetto di una intensa attività di comunicazione da parte dell'Assessore Boscagli, ma sul cui merito sono stati raccolti numerosi contributi critici da parte di un fronte molto ampio e variegato di organizzazioni di Terzo Settore. Un percorso di riforma che si immaginava, perché così era stato presentato, come preparatorio ad una nuova legge di riforma del sistema di welfare regionale.

Dall'altro, nel corso dell'estate, la stessa Giunta ha deliberato su una serie di questioni cruciali che già incidono pesantemente sulle modalità di funzionamento dei servizi socio assistenziali e sociosanitari.

Il Forum pone quindi una questione di metodo, chiedendo che il processo di riforma segua la via maestra del confronto politico e sociale, attraverso la definizione di una nuova legge da cui ricavare gli atti applicativi. Ma le organizzazioni aderenti al Forum chiedono anche che si faccia chiarezza sul disegno complessivo della riforma che si vuole attuare. Un disegno di cui, per ora, si comprende solo la volontà di passare "dall'offerta alla domanda" attraverso una scelta radicale dell'uso del voucher come strumento di finanziamento dei servizi e delle prestazioni.

Un po' poco per far fronte alle sfide poste al sistema delle politiche sociali regionali dalla crisi economica e sociale e dalla crisi di risorse del welfare locale.